Intervista realizzata da IMA SANCHÍS (versione originale)

Se aumenta la consapevolezza i cambiamenti vengono da soli

La sfida dello scienziato


Da più di 40 anni si alza alle quattro del mattino per dedicare un’ora alla meditazione e un’altra allo yoga. Salto come una pulce: “Voglio vivere, vedere amici!”. “La parola diversione – risponde con un sorriso – etimologicamente significa perdere il cammino, e se sei malato o hai problemi è meglio che tu li risolva. E sappiamo scientificamente che con la pratica della attenzione consapevole possiamo ripristinare il nostro equilibrio mentale e corporeo, stimolare la guarigione e il benessere. Ma ha ragione, è molto difficile cambiare il proprio stile di vita “. Una sfida che spiega passo dopo passo nel suo ormai classico Vivere momento per momento, che ha rivisto e aggiornato con nuovi studi scientifici.

Ho 76 anni. Professore di Medicina presso l’Università del Massachusetts. Sono sposato da 51 anni, con 3 figli e 3 nipoti. Dobbiamo imparare a convivere con le nostre differenze. La diversità è una forza positiva. Mi interessa l’esperienza diretta dell’interconnessione, ma non le credenze.

Mia madre, che viveva con me, è morta a 101 anni. Gli ultimi 25 anni con lei sono stati una delizia.

Perché?

Era una pittrice e invecchiando sperimentava il mondo come Monet: vedeva forme di luce che la maggior parte di noi non vede. Mio padre era uno scienziato di fama mondiale, un esperto del sistema immunitario. La loro era una polarità molto interessante.

Polarità che lei ha integrato.

È vero, ho scoperto la meditazione Zen all’età di 21 anni e da allora ho studiato scientificamente le capacità che ha la Mindfulness (attenzione consapevole) di guarirci. Ho dimostrato l’efficacia di una pratica spirituale millenaria e l’ho avviata in Occidente.

Perché ha iniziato a meditare?

A quel tempo lavoravo al Massachusetts Institute of Technology (MIT) con il premio Nobel Salvador Luria. Stavamo lavorando alla comprensione del genoma, era tutto molto interessante, ma ero infelice. Al MIT venivano sviluppate armi per l’esercito e bombardavamo un paese, il Vietnam, che non aveva nemmeno un’aeronautica.

Momenti turbolenti.

Philip Kapleau, un ex giornalista, spiegò in una conferenza che dopo aver occultato i processi di Norimberga ha iniziato ad avere terribili mal di testa che è riuscito a guarire mentre si ritirava in un tempio Zen. Ho iniziato a meditare per un’ora al giorno per vedere se fosse possibile e non ho mai smesso.

Com’è riuscito ad applicarlo alla scienza?

Sono stato fortunato, le porte si sono aperte permettendomi di creare la Clinica per la riduzione dello stress e il Centro Mindfulness per la medicina presso la Massachusetts Medical University. (CFM)

I suoi colleghi devono averlo guardato in modo strano.

Sì, ma ho ottenuto risultati forti e inappellabili. Ho sviluppato un programma (Rebap) (ora MBSR, NdT) per la riduzione dello stress basato sulla consapevolezza e nel 1982 ho pubblicato il mio primo articolo scientifico sui benefici nei pazienti con dolore cronico e stress. L’anno scorso (nel 2016, anno dell’intervista, NdT) sono stati pubblicati 674 articoli, è una crescita esponenziale. È arrivato il momento.

Cosa propone?

La consapevolezza si esercita prestando attivamente attenzione nel momento presente e senza giudizio. Sviluppare la capacità di abbracciare la realtà delle cose è curativo e trasformativo, cambia il nostro cervello, come mostra la ricerca neurologica.

Parla come un guru, un santone.

Non c’è niente di alternativo al nostro programma, facciamo parte dei dipartimenti medici e abbiamo prove scientifiche. I pazienti riescono a controllare il dolore cronico, l’ansia, il panico e ad alleviare gli effetti del cancro o delle malattie cardiache, ma lo consiglio a chiunque.

Implica un cambiamento di vita.

Se aumenti la consapevolezza, i cambiamenti nella tua vita vengono da soli. Richiede disciplina, ma la cosa più curiosa è che non devi fare nulla. Ciò che la consapevolezza propone non è che tu cambi la tua vita, ma che te ne innamori.

Suggestivo.

La consapevolezza ti offre un altro modo per sostenere la tua esperienza dalla presenza, qualcosa che non ci insegnano a scuola. Ti insegnano a pensare, ma spesso pensare non è utile quando si risolvono problemi vitali.

E attraverso la consapevolezza si riesce a capirne di più?

Abbiamo documentato i cambiamenti subiti da 20.000 pazienti che hanno seguito il programma di otto settimane nella nostra clinica, ma nel mondo ci sono milioni di persone (con gli stessi risultati, NdT).

La meditazione cambia il nostro cervello?

Le regioni che hanno a che fare con l’apprendimento e la memoria si stanno allargando. L’amigdala, l’area del cervello che reagisce alle minacce e dirotta l’attenzione, è rinforzata; le connessioni neuronali sono migliorate e ci sono persino cambiamenti nel genoma.

I geni sono attivati ​​e disattivati?

Sì, ad esempio i geni che hanno a che fare con i processi infiammatori e quindi con il cancro sono inibiti. E abbiamo scoperto che la meditazione interrompe il naturale processo di riduzione della densità e delle dimensioni del cervello, che avviene col passare degli anni.

Cosa c’è da capire?

La cosa più difficile da capire è che non devi fare nulla. Non si tratta di cercare di cambiare, si tratta invece di vivere sveglio piuttosto che vivere addormentato.

Ci sono sempre cose nella tua vita che semplicemente non ti piacciono.

È qui che funziona la meditazione, perché che ti piacciano o no dipende solo dai tuoi pensieri. La depressione è causata da una disregolazione del pensiero, inizi a ruminare ed entri in una spirale negativa che finisce in disturbo (mentale).

La Mindfulness attira l’attenzione su quei pensieri negativi?

Se abbracci quel pensiero, non continua più a riprodursi. Sappiamo che una mente distratta è una mente infelice. Dobbiamo accedere alla consapevolezza, un tipo di intelligenza innata di cui sappiamo poco ma conosciamo il suo potere.

Abbiamo solo pochi pezzi del puzzle.

Basta sapere che il rapporto che intratteniamo con il nostro corpo, la nostra mente, i pensieri e le emozioni, momento dopo momento, ci porta, se è corretto, salute, benessere e saggezza. Coltivare la consapevolezza è un atto radicale di sanità mentale, amore e compassione per te stesso.

Traduzione a cura di FunzionaMente


Inizio del prossimo programma MBSR 1 ottobre giovedì

X